Loading...

WILD HOGS - CINGHIALI SELVAGGI

Fuga a Capo Nord

4 MANAGER IN FUGA DALL’EQUITALIA TENTANO DI RAGGIUNGERE “I CONFINI DEL MONDO” IN SCOOTER.

Wild Hogs - Cinghiali selvaggi (Titolo italiano 'Svalvolati on the road') è un film del 2007 con John Travolta, M. Lawrence, T.Allen e W. H. Macy. Quattro amici, in crisi di mezza età, intraprendono un lungo viaggio in moto verso la California. Lo scopo del viaggio è la ricerca della giovinezza perduta e la fuga dall'opprimente routine quotidiana. E’ più o meno la stessa cosa per i nostri quattro Will Hogs nostrani, Maurizio Desio, Giuseppe Schipani Vittorio Ravot e Luca Ferrari che, come nell'omonimo film, hanno deciso di compiere una traversata parecchio impegnativa. A dirla tutta, una missione al di sopra delle loro possibilità: arrivare a Capo Nord in moto, in 5 giorni, d'inverno. Fino a 14 ore di guida al giorno, sulla neve o sul ghiaccio, in condizioni di buio pressoché costante, con 20/30 gradi sotto zero, in un periodo in cui non c'è turismo, molti alberghi sono chiusi, e fra un abitato e l'altro ci sono centinaia di chilometri di distanza. I nostri Svalvolati on the road sono quattro manager in burnout, esasperati dallo stress aziendale, incalzati dal fisco e in fuga da Equitalia. Nessuno di loro è un professionista, o uno specialista di missioni estreme, nessuno è un motociclista provetto o un esperto di moto su ghiaccio, nessuno è mai stato in Norvegia, men che meno in scooter.

Scopo della missione? Raggiungere, in un modo o nell’altro (anche a dorso di renna se necessario) i ghiacci di Cape North, là dove Equitalia non ha vita. E una volta raggiunti i confini del mondo, brindare alla fuga riuscita, in calici di cristallo, con il migliore spumante italiano.

<<Quando saremo fuori dal raggio di influenza dell'Agenzia delle Entrate>> spiega il capo spedizione M. Desio <<le possibilità sono diverse. Potremo decidere di non tornare più in Italia, oppure ci daremo per dispersi per ripresentarci sotto mentite spoglie>>. L. Ferrari aggiunge: <<Una cosa è certa: a Capo Nord celebreremo un rito propiziatorio in onore del Vetter, un antico spirito guardiano delle coste selvagge della Norvegia, con lo scopo di trasformare l'Equitalia in un Ente Benefico. Chissà mai che magari ci riusciamo!>>.

Insomma, tutto è possibile in questa spedizione? <<Certo>> risponde V.Ravot <<anche i miracoli! L'importante è arrivare alla meta>>.

Che dire: Wild Hogs, siamo con voi!

bike

IL RAID

DOVE: Norvegia

QUANDO: dal 26 dicembre 2016 all'8 gennaio 2017

COME: in scooter

bike
 

IL PERCORSO MOTOCICLISTICO A TAPPE in condizioni di neve e ghiaccio:

OSLO - TRONDHEIM: 519 km / 14 h 8 min

TRONDHEIM - MO I RANA: 477 KM / 12 h 6 min

MO I RANA - NARVIK: 424 km / 11 h 14 min

NARVIK - ALTA: 503 km / 12 h 46 min

ALTA - NORDKAPP: 242 km / 6 h 25 min

bike

I WILD HOGS

bike

DESIO, IL FARAONE

Nome: Maurizio Desio

Anni: 62

Professione: ceo Datatex

Prerogativa: l'imponderabile calma

bike

SHAMPOO, IL DURO

Nome: Vittorio Ravot

Anni: 58

Professione: Consulente aziendale

Prerogativa: indistruttibile

bike

SCHIPER, IL BALDO

Nome: Giuseppe Schipani

Anni: 43

Professione: Ceo Repiks

Prerogativa: il genio del male

bike

LUCA, IL PANDA

Nome: Luca Ferrari

Anni: 54

Professione: Commerciale

Prerogativa: la sapienza

bike

LA TROUPE

Intervista alla troupe

IL PRIMO FORMAT IN CUI NON SI FA FINTA CHE NON CI SIA UN CAMERAMAN. Anzi, il quinto personaggio della spedizione è proprio la troupe televisiva. Ma la regista, l’operatrice e il fotografo, a dirla tutta, non sono molto convinti del fatto che quattro manager, più avvezzi al cellulare che ai ghiacci del nord, possano riuscire in una impresa ardua anche per un professionista.

bike
 

<<La mia troupe ed io partiremo al seguito>> dichiara la regista Fiammetta Ravot <<Vogliamo documentare la spedizione. Vogliamo documentare la spedizione. Siamo molto curiosi di assistere alla performance dei nostri cinghiali selvaggi>>.

Lei, insieme all’operatrice Stefania Gilardi (entrambe motocicliste ndr) e al fotografo Mirko Codara, seguiranno con un camper la spedizione dei nostri Wild Hogs Manager.

<<Anche la nostra missione sarà tutt’altro che facile>> commenta. <<I rischi sono elevati, riprendere a quelle temperature e in quelle condizioni di luce sarà un bel terno al lotto.>>

Staremo a vedere!

IL LUPO

bike

Fedele e inseparabile compagno di Schiper, Zito Lupus dell'Isma Silente è uno splendido pastore tedesco di due anni, mirabile esempio di pazienza, lealtà e resistenza. I due hanno un rapporto simbiotico al punto che, a volte, non si capisce chi è l'uomo e chi è il cane. Se le virtù di Zito potranno forse essere d'ispirazione all'equipaggio, di certo affrontare il gelido Nord a zampe nude non sarà un compito facile per il giovane lupo.